Azione femminista contro le frontiere europee. Unitevi a noi! Tutt* alle frontiere!

In english

En castellano

In italiano

Dal 2015 la politica europea di chiusura delle frontiere è stata rinforzata e la migrazione è stata ulteriormente criminalizzata. L’area Schengen continua a rafforzare un arsenale repressivo contro le persone costrette all’esilio. La chiusura delle frontiere serve solo a sviluppare le economie mafiose in cui sono organizzate tutte le forme di violenza contro gli/le esiliat*. Queste politiche di criminalizzazione della mobilità hanno un impatto particolare sulle donne, che rappresentano il 54% de* migrant* in Europa, così come sulle lesbiche e sulle persone transgender. Durante il tragitto di migrazione, ogni persona che non si conforma all’ordine patriarcale è oggetto di violenza di genere. È giunto il momento di dispiegare le nostre forze per rendere visibile ciò che non lo è.

Noi, femministe abitanti di tutta l’ Europa, di ogni condizione sociale e di ogni età, qualunque siano le nostre origini, le nostre scelte, i nostri mondi… alziamo la voce per dire « No! Voi non ci rappresentate… Queste politiche non possono essere portate avanti in nostro nome! Non vogliamo più le vostre mura intorno a noi! No! Non in nostro nome! » Perché, come diceva Virginia Wolf, una donna di lettere femminista: « Come donna, non ho patria. Come donna non desidero nessun paese. Il mio Paese, in quanto donna, è il mondo intero ». I confini politici sono una costruzione virile e militarista, nata dalle guerre, dalle violenze e dalle morti.

Per rompere con questa storia militarista e patriarcale, organizziamo, il 5 giugno 2021, una grande azione femminista transnazionale a Nizza, città strategica per la gestione della frontiera tra Ventimiglia e Mentone. In questo luogo simbolico, noi, femministe di tutti i paesi europei, dimostreremo insieme, perché le politiche migratorie sono fatte su scala europea: è anche su questa scala che rispondiamo.

Eventi culturali accompagneranno la nostra manifestazione, organizzata e rappresentata da femministe, donne, lesbiche, trans. Tutte le persone sono le benvenute per partecipare, per contribuire, per aiutare con la logistica e per sostenerci in questo processo di emancipazione.

Al termine dell’incontro europeo femminista « Donne, Migrazione, Rifugi », dal 27 al 29 settembre 2019 a Ginevra, su iniziativa della Marcia Mondiale delle Donne/Svizzera, ben 263 attiviste si sono riunite per dare corpo a una rete di resistenza femminista europea. 

Poi la rete è cresciuta e ha rafforzato la nostra determinazione. Vi invitiamo ad unirvi a noi e ad arricchire la nostra bella azione. Con la vostra presenza, la vostra parola, la vostra creatività, le nostre diverse posizioni, fonti di influenza e sensibilità femministe non dovrebbero essere un ostacolo alle nostre convergenze intorno a questa azione collettiva che si svolgerà nella massima trasparenza.

Vorresti far parte dell’organizzazione?

Potreste fornire un supporto ufficiale? Sostegno finanziario?

Potreste creare dei collettivi locali per co-organizzare questa azione e preparare la vostra venuta, proporre attività di ogni tipo: creare, pensare, cantare, ballare il mondo come lo sogniamo?

Attendiamo con ansia le vostre risposte, da inviare a toutesauxfrontieresfr@gmail.com .

Il mare dei nostri sogni è immenso. Non conosce confini !

L’Assemblea PACA-LIGURIA « Tutt* alle frontiere ».